Indicatore di tempestività dei pagamenti

Art. 33 del d.lgs. 33/2013

Le Misure organizzative finalizzate al rispetto della tempestività dei pagamenti da parte dell'Ente, previste dall'art. 9, comma 1, lettera a) del decreto legge 1° luglio 2009, n. 78 convertito in legge n. 102/2009 sono state approvate con deliberazione della Giunta comunale n. 127 del 27/11/2011.

A decorrere dal 2012 viene pubblicato un indicatore dei tempi medi di pagamento relativi agli acquisti di beni, servizi e forniture.

 

Anno 2012

Tempo medio di pagamento delle fatture

40 giorni

 

 

 

Anno 2013

I tempi medi di pagamento delle fatture dell'anno 2013 sono stati rilevati secondo quanto previsto dalla circolare del Ministero dell'Interno, F.L. 9/2014.

Nello specifico, la circolare disponeva: 

"Per calcolare il tempo relativo a ciascun pagamento effettuato nell’anno 2013 occorre determinare per ogni operazione il periodo intercorso dalla data di ricevimento della fattura (ovvero dalla data considerata dall’articolo 4, comma 2, del D. Lg.vo 9 ottobre 2002, n. 231, come rilevante per la decorrenza degli interessi di mora) e l’emissione del corrispondente mandato di pagamento.

Il dato temporale riferito al singolo pagamento sarà espresso con il segno più in caso di ritardo, con il segno meno in caso di pagamento tempestivo. Il dato sarà pari a zero, nel caso di pagamento nel giorno di scadenza Il tempo medio dei pagamenti, che ciascun ente locale dovrà certificare, sarà definito pertanto in misura corrispondente al rapporto tra la somma delle differenze dei singoli tempi di pagamento ed il numero complessivo delle transazioni commerciali, riferite ai 45 codici SIOPE individuati nella Tabella A allegata al D.L. n. 66/2014".

Sulla base di tali istruzioni il Tempo medio di pagamento delle fatture dell'anno 2013 è risultato 54,24 giorni. Cioè il pagamento delle fatture ricevute è avvenuto mediamente 54,24 giorni dopo la scadenza.
 

Anno 2014

I tempi medi di pagamento delle fatture dell'anno 2014 sono stati rilevati con le modalità di cui all'articolo 9 del d.p.c.m. 22 settembre 2014 secondo il quale:

"L'indicatore di tempestività dei pagamenti ... è calcolato come la somma, per ciascuna fattura emessa a titolo corrispettivo di una transazione commerciale, dei giorni effettivi intercorrenti tra la data di scadenza della fattura o richiesta equivalente di pagamento e la data di pagamento ai fornitori moltiplicata per l'importo dovuto, rapportata alla somma degli importi pagati nel periodo di riferimento". A maggiore chiarimento è intervenuta la circolare n. 3 del 14 gennaio 2015 del Ministero dell'Economia e delle Finanza - Ragioneria generale dello Stato.

Il dato risultante è di 52,90. Questo significa che il Comune di Treviglio nel 2014 ha pagato le fatture in media 52,90 giorni dopo la scadenza.

 

Anno 2015

Dall'anno 2015 la pubblicazione dell'indicatore avviene trimestralmente entro 30 giorni dalla fine del trimestre precedente, con le modalità indicate dagli articoli 9 e 10 del d.p.c.m. 22 settembre 2014:

In base alla circolare n. 22 del 22 luglio 2015 del Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - l'indicatore di tempestività dei pagamenti è definito in termini di ritardo medio di pagamento ponderato in base all'importo delle fatture.

 

Periodo temporale

Indicatore trimestrale

1° trimestre

85,10

2° trimestre

48,47

3° trimestre

45,51

4° trimestre

29,61

L'indicatore di tempestività dei pagamenti relativo all'anno 2015 corrisponde a 54,97

 

Anno 2016

Periodo temporale

Indicatore trimestrale

1° trimestre

39,17

2° trimestre

 2,36

3° trimestre

51,68

4° trimestre

29,62

L'indicatore di tempestività dei pagamenti relativo all'anno 2016 corrisponde a 32,68

 

TEMPI MEDI DI PAGAMENTO (INDICATORE ORGANIZZATIVO)